Attività Liceo Linguistico Internazionale Quadriennale

Progetti di continuità e orientamento

L’Istituto considera prioritarie le iniziative legate alla continuità tra i diversi ordini di istruzione.

La continuità con la Scuola Secondaria di I grado ha soprattutto una valenza di orientamento inteso come modalità educativa permanente. A tale scopo, l’Istituto si avvale della collaborazione dell’equipe pedagogica del COSPES (Centro di orientamento e consulenza psicopedagogica Salesiano), che in sinergia con i docenti realizza attività di indagine delle attitudini e degli stili di apprendimento degli alunni, in particolare per formulare il consiglio orientativo riguardo la scelta del tipo di istruzione di secondo grado.

Gli studenti del I biennio sono poi seguiti nel loro percorso di studio con un progetto di tutoraggio che si articola in due momenti: “Partire con il piede giusto” al primo anno e “Segnare il passo” al secondo. L’attività di tutoraggio, svolta da un docente tutor nominato dal Consiglio di Classe, in collaborazione con l’équipe psicopedagogica del Cospes, conduce l’alunno a verificare la correttezza della scelta dell’indirizzo di studi compiuta, lavora sulla motivazione e sull’efficacia del metodo di studio e lo guida nella scelta degli insegnamenti opzionali, al fine di sostenere la costruzione dell’esperienza formativa individuale.

La Commissione Continuità, inoltre, pianifica ogni anno progetti formativi in particolari momenti dell’anno scolastico, che coinvolgono studenti della Scuola Secondaria di I grado e dei Licei e che molto spesso vedono gli studenti liceali nel ruolo di tutor e/o guida nelle attività proposte. Tali attività sono aperte anche alle scuole secondarie del territorio. Ne elenchiamo alcuni di consolidata realizzazione:

  • Settimana della Scienza: attività esperienziali condotte nel laboratorio scientifico polifunzionale del nostro Istituto dagli studenti del Liceo per l’introduzione degli alunni della Scuola Secondaria di I grado (anche del territorio) al mondo scientifico
  • π Day: giornata di sperimentazione ludico – dimostrativa di teoremi matematici, condotta dagli studenti del Liceo, al fine di promuovere l’interesse per la matematica negli alunni della Scuola Secondaria di I grado (aperta anche alle scuole del territorio)
  • Giornata della Memoria: organizzazione di incontri ed eventi, cortometraggi ed elaborati audiovideo, in collaborazione tra gli studenti del Liceo e della Scuola Secondaria di I grado, in approfondimento del tema della Shoah
  • Scuola Sicura: incontri e workshop in collaborazione con il Commissariato di Polizia di Stato di zona, di sensibilizzazione e prevenzione di ogni forma di dipendenza (droghe – alcool – fumo – gioco –cyber-dipendenze, ecc.)
  • Invito alla Lettura: il progetto vuole stimolare un rapporto critico e consapevole con la parola scritta (romanzi, saggistica, giornali, inchieste), per consolidare il loro ruolo di lettori, rendendoli soggetti attivi della vita sociale e culturale. Il progetto prevede anche l’incontro con personalità del mondo accademico e della cultura e un autore a coronamento di un lavoro di approfondimento svolto nelle classi
  • Premio Laurentum: concorso di poesia a tema
  • 21 Marzo-Giornata mondiale Sindrome di Down: tutta la comunità scolastica – docenti, genitori, personale educativo e alunni – è coinvolta in iniziative culturali, incontri e dibattiti per ricordare i diritti e per rendere il mondo più accogliente nei confronti delle persone con sindrome di Down, per promuoverne la loro visibilità e piena inclusione, su una base di uguaglianza con gli altri, in tutti gli aspetti della società.

 

Per quanto riguarda la continuità con l’Università, i percorsi terziari non accademici e l’orientamento, si propongono i progetti Alma Orienta e Salone dello Studente, con cui gli alunni del quarto anno saranno accompagnati a valutare e a scegliere il percorso di studi superiori più consono alle loro capacità e alle loro aspirazioni di studio e professionali.

In linea con la propria prospettiva internazionale, l’Istituto intende seguire gli allievi nelle procedure per l’iscrizione alle università straniere. In particolare, si prevedono incontri in orario extra-curriculare che preparano più specificamente alla procedura di iscrizione, all’impostazione del curriculum vitae e della motivation letter, fino alla preparazione all’Ielts e al GRE.

Non è da trascurare la continuità che viene offerta, come preparazione remota, con la cura della formazione del pensiero critico e soprattutto con il corso di metodologia della ricerca e della valutazione delle fonti, che dota ogni studente di un metodo di studio personale, di capacità di ricerca e presentazione di un elaborato, oltre che dell’attitudine a formare un curriculum di studi con scelte di corsi congruenti con le proprie aspirazioni di studio e professionali.

Un contatto diretto con gli universitari è dato attraverso due progetti già attivi nel nostro istituto, come i Caffè filosofici in collaborazione con l’Università Europea di Roma (UER) e i Salotti storico-letterari in collaborazione con la Fondazione Spirito De Felice e l’UER.

Nei vari momenti di orientamento sono inoltre presentate le opportunità offerte dai percorsi terziari non accademici, in particolare dai corsi di alta specializzazione, con una presentazione dei nuovi indirizzi e delle nuove esigenze nel mercato del lavoro così come individuati e prospettati dall’OCSE.

 

Nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, vengono altresì organizzati incontri con professionisti perché illustrino la specificità di ogni professione, segnalino i percorsi formativi più adeguati a ciascun settore e le strategie più efficaci in termini di job placement. Si prevede infine un corso di elementi di etica pubblica, a coronamento dell’informativa generale sul mondo del lavoro e delle professioni, per suscitare negli studenti la sensibilità al valore del bene comune.

 

Continuità e apertura al territorio

Si ripropongono esperienze positive già sperimentate negli altri Licei Highlands, quali:

  • collaborazioni con enti e associazioni locali, di ricerca e sociali: partecipazione a concorsi (CNR), partecipazione e collaborazione alla realizzazione di eventi (Euroma 2 Open Days; Sport in Famiglia), End Polio Now (Rotary Club), Progetto immigrati e Servizio Mensa Caritas
  • Progetto Extensive Reading – Read On (Ambasciata britannica, British Council e Oxford University): competizione di lettura di testi in lingua inglese
  • attività di volontariato, di partecipazione sociale in collaborazione con CARITAS e nei gruppi di Gioventù missionaria
  • percorsi con C.R.I.:  iniziative atte a favorire la formazione della persona, il senso di appartenenza alla comunità locale, nazionale ed europea, la cultura del volontariato, della solidarietà e dell’attenzione al prossimo, la diffusione di conoscenze utili alla gestione delle vulnerabilità di ogni ordine e genere (con esercitazioni pratiche)
  • partecipazione a competizioni sportive (Giochi sportivi studenteschi).

 

Progetti di potenziamento delle competenze logico-matematiche e scientifiche

  • Partecipazione ai Giochi di Archimede
  • Rappresentazione con “Geogebra” delle leggi di Keplero
  • Il paradosso di Zenone: realizzazione pluridisciplinare di project work (cortometraggio) sulla rappresentazione scenica del Paradosso di Zenone

 

Partecipazione a concorsi culturali

  • Premio Laurentum (biennio) concorso di componimento poetico
  • Vivi Vejo: concorso internazionale di scrittura creativa in lingua inglese.

 

Insegnamento interattivo con uso delle tecnologie digitali

Nel progetto di sperimentazione quadriennale, si è adottato l’utilizzo di tecnologie didattiche e digitali consistenti in sistemi di progettazione, sviluppo e valutazione, orientati a sostenere i processi di apprendimento in ogni disciplina, che si avvantaggiano dell’apporto e della ricerca interdisciplinare di altre discipline come l’I.C.T. e Global Perspectives.

Il ricorso alle tecnologie didattiche ha condotto inevitabilmente ad una riflessione sul ruolo dei nuovi media rispetto ai modelli didattici tradizionali, ad un ripensamento complessivo del concetto di apprendimento-insegnamento e delle strategie formative attraverso l’integrazione degli strumenti informatici con la relazione pedagogico-didattica tra docente / alunno / gruppo classe.

L’integrazione della lezione tradizionale logocentrica, veicolata e centrata sulla parola, con ambienti di apprendimento tecnologici impone una ricostruzione del sapere e delle acquisizioni cognitivo-concettuali: al concetto di linearità e sequenzialità dei programmi tradizionali subentra e si integra l’uso di modelli rappresentativi quali il reticolo, il grafico, la mappa, per spiegare l’interdipendenza di ogni ambito rispetto all’altro. Ne risultano un approccio cooperativo all’apprendimento e una didattica che abbandona il metodo espositivo per adottare e applicare tecniche attive. Particolarmente utile a tale scopo risulta l’utilizzo delle metodologie proprie della Flipped Classroom, soluzione efficace e sostenibile per affrontare le due emergenze educative della Scuola italiana, ovvero la didattica inclusiva e il lavoro sulle competenze.